Dal 1996

Come faccio a guidare la mia azienda fuori dalla crisi in modo duraturo? (parte 2)

Lo scorso mese avevamo iniziato la nostra riflessione sulla gestione aziendale delle Piccole Imprese con  domande generali per poi approfondire il tema ponendoci quattro domande specifiche:

Alle prime due domande avevamo risposto nell’articolo precedente; ora andiamo a scoprire le risposte per le altre due.

Le domande giuste per una buona gestione aziendale 

Perdonateci di ribadire il concetto sulla gestione aziendale che avevamo espresso il mese scorso.

Che la sua azienda si occupi di produzione, di servizi o di commercio, ogni imprenditore, che voglia condurre la sua azienda fuori dalla crisi in modo duraturo, deve iniziare a porsi almeno le seguenti domande specifiche:

  • Come faccio a sapere, mese per mese, se siamo sulla buona strada del risanamento?
  • A che prezzo posso ottenere l'ordine dal cliente o vendere i miei prodotti? Come posso calcolare il prezzo minimo della nostra offerta, senza far capo alla complessa contabilità analitica?
  • I costi del mio personale sono ottimali? Come posso calcolare la nostra produttività e come ottimizzare i costi del personale? Come posso aumentare la produttività o come posso ridurre i costi del personale?
  • Qual è il fatturato mensile minimo di cui ho bisogno per essere sicuro di andare in pareggio? 

Approfondiamo queste ultime due domande nei paragrafi seguenti.

I costi del mio personale sono ottimali?

Come posso calcolare la nostra produttività per ottimizzare i costi del personale? Come posso aumentare la produttività o ridurre i costi del personale?

Il criterio della produttività nelle aziende di produzione e di servizi è fondamentale, poiché è noto che i costi di produzione rappresentano una parte considerevole del costo totale di un servizio. Hanno un impatto diretto sulla nostra competitività. Per questa ragione una stima puramente emotiva della propria produttività è inadeguata e fuorviante. 

Conoscere la produttività della propria azienda ha l'ulteriore vantaggio di darvi la possibilità di calcolare il fabbisogno di personale per un fatturato pianificato (budget).

Collegata a ciò è la domanda fondamentale: qual è la nostra forza lavoro ottimale? Avremmo un profitto più elevato se assumessimo più persone o dovremmo piuttosto ridurre il numero di dipendenti? L'imprenditore ha bisogno di informazioni che gli mostrino le conseguenze. 

Dov'è il punto di pareggio della mia azienda?

Di quale fatturato mensile minimo ho bisogno per essere sicuro di andare in pareggio?

Il punto di pareggio dei costi è il fatturato che deve essere realizzato per coprire tutti i costi di materiale, personale e infrastruttura dall'azienda e per consentire l'ammortamento economicamente necessario. Ogni imprenditore dovrebbe essere in grado di calcolare da solo questo fatturato in modo da vivere le dinamiche del passaggio dalla perdita al profitto con creatività, determinazione e perseveranza.

Il punto di pareggio può essere determinato per un singolo ordine, per un reparto, per un gruppo di prodotti o per un periodo (mese, trimestre, anno). Si tratta di una semplice cifra chiave che deve essere calcolata dall'imprenditore stesso e che gli offre la possibilità di effettuare un confronto preventivo / consuntivo in qualsiasi momento.

  

basic»Leadership fornisce le risposte a queste domande. 

Se le risposte alle quattro domande hanno suscitato in voi il desiderio di trovare una soluzione semplice, efficiente ed economica per gestire la vostra azienda nell’uscita della crisi, vi proponiamo il metodo basic»Leadership, basato sulle forme di contabilizzazione del margine di contribuzione adatto alle Piccole Imprese.

Il metodo basic»Leadership, usato in Svizzera da oltre 600 aziende è il metodo ufficiale dell'Unione Svizzera Arti e Mestieri (USAM) ed è raccomandato dell'Associazione svizzera dei banchieri (SBA). 

Se siete interessati alle risposte delle due prime domande vi rimandiamo alla nostra newsletter di fine febbraio.

Volete comunque saperne di più subito? Contattateci direttamente al 091 840 92 50, oppure scrivete a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pin It